accedi   |   crea nuovo account

Esule (Italiano) d’Istria

Ricordi come foto stampate,
parole non ascoltate
chiuse dentro,

dentro un cuore rassegnato, stanco
che non sà credere
ancora
se sperare.

Tanti giorni sono passati
che sembravano notti,

chiuderai gli occhi al buio
o le Tue palpebre
saranno scaldate dal raggio dell’uomo?

28. VIII. 2000

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0