accedi   |   crea nuovo account

Sognando l'uomo

Un Amleto per la scena troppo vero
troppo ingenuo per gli applausi di platea
che del dubbio fa mantello ma mai maschera.
Un fantasma silenzioso, col peso della carne
e un respiro di parole che lascia alle spalle
scivolando nella calca delle strade
le orme e il sangue:

così mi figurai l’uomo autentico.

L’essere che non c’è per nessuno
si stanca d’esistere
e si fa trasparente, un costume o un ornamento.
Da quando le parole si fan tanto leggere
da esser scambiate col vento
e ad ogni pensiero che cogli nel caos
non puoi rintracciare chi l’abbia espresso,
da quando il mostro di ferro
ci ha iniettato il sapore sensuale
dei piaceri in seducenti confezioni
mi faccio luce con la lanterna
come un pazzo tra gli abbagli dei lampioni
a cercare l’uomo felice, trovando solo orme sbiadite.

Ecce homo!, sogno di dire
che vaghi dipingendo di fruttifera ignoranza
i pensieri su fronti distese e serene
o in orbite vuote di uomini avvezzi
a non vedere quante croci nel mondo
e nei cuori ci sono.

Sogno di urlare: Ecce homo!
Schiarendo un volto stracciato e commosso
scoprendo uno sguardo confuso
ma che non conosce compromesso.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Nicola Saracino il 09/01/2009 16:48
    Mi correggo. "Un insperato" ... senza apostrofo.
  • Nicola Saracino il 09/01/2009 14:58
    La musicalità è un tutt'uno con il contenuto, il verso si fa culla all'uomo autentico, che vi scopre un'isperato sollievo a tanta gravosità di vita. La maiuscola ci sta, una basta ed è l'aggettivo giusto per l'intera composizione. N
  • Michele Storti il 23/07/2008 12:49
    Grazie dell'appunto: era chiaramente un "errore di battitura"
    Ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0