accedi   |   crea nuovo account

Natura e Uomini

Onde verdi di grano, lì.
Caldo giallo sole che tocca,
assieme al vento pettina.

Natura di campagna,
compagnia silenziosa del mio viaggio.

Viaggio moderno di metallo,
fra le piante antiche di vita.

Striscia nera di asfalto voluta dagli uomini,
che divide, separa, spacca,
che cambia di anno in anno, nel rumore macchinoso.

Natura antica, spontanea
da essa si rigenera, offrendo agli uomini,
senza cambiare,
da sé,

nel silenzio del sole e del vento.


20. V. 2001

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Vincenza il 22/05/2013 12:42
    che bella riflessione e come suona male il connubio uomo natura.
    Dovunque si mette l'uomo riesce a scempiare la belleza della natura. ben descritta
  • Vincenzo Capitanucci il 24/07/2008 03:41
    Ritrovando la Spontaneità del Se... tutto cambierà da Se... nel Sole.. e nel Vento...
  • sabrina balbinetti il 23/07/2008 22:49
    quante cose può dirci la campagna con i suoi silenzi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0