username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

VILIPENDIO, in morte di...

Speravi,
forse,
nella pietà del riposo,
eterno, sereno.
Speravi,
forse,
nella clemenza
nel rispetto,
nel silenzio
al cospetto
dell'Implacabile Signora.
Eppure continuò,
beffardo,
il cicaleccio molesto
di chi t'irrise in vita
dalle retrovie
del tuo ultimo e personale
corteo.

17/07/08
in memoria di tutte quelle persone fisicamente diverse, che anche nella morte si vedono derise dai cosiddetti "normali"

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

19 commenti:

  • Roberto Faint il 07/08/2008 22:21
    brava
  • Anonimo il 03/08/2008 18:52
    Brava Marta... e pensare che ti pregavo di non essere cattiva!! Veramente bella questa poesia che dimostra la tua bontà d'animo e la tua sensibilità poetica. Ciao. Giak
  • Giovanni Cuppari il 02/08/2008 22:05
    Mi viene in mente quella domanda fatta adesso non ricordo, che diceva: Ma i pazzi stanno al di là o al di quà del cancello? Da riflettere. Bacione da Gio'
  • Anonimo il 01/08/2008 11:33
    Non sempre, ma spesso, le retrovie dell'ultimo personale corteo sarebbero da recidere. Brava Marta, grande sensibilità la tua, ma già si sa.
  • augusto villa il 01/08/2008 00:24
    Ipersensibile... Super bella... Super profonda... Bravissima Marta, complimenti...:bacio:
  • Roberta Berardi il 27/07/2008 18:32
    è meravigliosa! Non ho davvero parole per commentare!
    Complimenti davvero...
    Rob
  • Adamo Musella il 25/07/2008 01:33
    Quando sono prossimo al sonno penso che sono stato fortunato... la mattina penso che non sò cosa in fatto per meritare il risveglio... solo se riesco a pensare alla fortuna posso affermare quanto saremo uguali e certamente umani a quel mancato risveglio. Marta di grande valore, poetica e senso della vita nelle tue parole. Baci e tanti complimenti
  • Marta Niero il 24/07/2008 23:36
    grazie, davvero a tutti per le vostre parole
    un grande abbraccio corale
    M
  • terry Deleo il 24/07/2008 21:50
    Cos'è la normalità? qual'è il criterio per definire un"normale"?... anch'io, come dice Angelica, preferisco stare dall'altra parte, essere "anormale"..
    Complimenti Marta. È bellissima. terry
  • Ivan Bui il 24/07/2008 17:21
    ... dimenticavo, il prete che ti ho fatto conoscere, in occasione del funerale di un ragazzo poliomelitico (é passato un secolo, pensa facevo il chierichetto)morto suicida, disse: ognuno di noi, oggi dovrebbe provare un grande dolore e un po' di vergogna...
  • Ivan Bui il 24/07/2008 17:16
    ... mentre leggevo i tuoi versi, mi apparivano le immagini di tanti funerali di paese, lunghi cortei, piccole folle, sentimenti diversi, dolore e cattiveria che si mescolano, passi sempre uguali, una normalità che spesso rende insopportabile la vita.
  • giuliano paolini il 24/07/2008 15:56
    tutto cio' che rende accettabile il gruppo consente una vita tranquilla salvo poi tornare la sera picchiare la moglie o sbattere i figli contro una colonna perche' il continuo doversi conformare uccide le idee le emozioni e i pensieri un sincero tributo a chi vive senza ipocrisie la sua diversita' che vorrei chiamare autenticita' brava marta che ce lo ricordi sono questi gli argomenti che meritano rispetto e amore senza prendersi troppo sul serio ma tante'!
  • Anonimo il 24/07/2008 15:21
    Cavoli Marta...
    COMPLIMENTI
    è bellissima...
    a tutte quelle persone che si vantano di essere normali...
    poi devono spiegarmi, qual'è il margine di riferimento della normalità...
    io preferisco stare dall'altro lato... se NORMALE, significa questo..
    anzi voglio essere la regina della anomarmalità...
    un bacio bellissima anima
    Grazie per questa tua poesia
    Angelica
  • suzana Kuqi il 24/07/2008 12:52
    bella
  • Vincenzo Capitanucci il 24/07/2008 12:30
    STUPENDA... IN QUESTO VILE... PENDIO... PRENDEREMO IL VOLO...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0