PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

'n amico morto in arto

A ‘n vero amico je se po’ chiede de tutto
puro de butta’ ‘n occhio su ‘ a questione
c’hai ‘a garanzia che nun so’ ‘n farabbutto
e che vojo bbene a ‘n sacco de perzone.

Me stai a rimette ‘n gioco? Vabbenone!
Me tiro su le maniche.. so’ pronto,
nun c’ho paura…solo ‘n gran magone..
come je lo dico…mò come l’affronto’.

Levo le mollichelle da sopra er davanzale…
tocca ‘ngojallo ‘sto ber risurtato,
mi moje…i fiij…se torna ‘n ospedale..
chi je lo dice che è ricicciato?

Tu nun fa’ come quell’operatore
che quanno chiamo mette sempre er disco
PREGO RICONTATTARE TRA ‘N PAR D’ORE
…pure se m’adeguo io nun te capisco.

All’urtima chemio che me hanno fatto
c’era ‘n fijetto de quattr’anni appena
er padre te cercava come ‘n matto…
se lo stringeva ‘a mamma…era serena!

Doppo du’ settimane ho risaputo
che l’angelo ha fenito quer tormento…
RICHIAMARE DOPPO…NUMMERO SCONOSCIUTO
…. POTREBBE AVERE ER CELLULARE SPENTO!

 

4
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • sabrina balbinetti il 26/07/2008 07:40
    serve un amaro? del bicaarbonato? limoncello?... prova a diggeri' "TRAVEL VIAGGI".. una mia a cui tengo in particolar modo, racconta un'esperienza nell'aldilà.
    Grazie sempre per i commenti... saluti da Sabrina 'a Trilussa da' Tiburtina(MAGARI!!!!!!)
  • Pablo X il 26/07/2008 00:04
    Urca scrivi pezzi tosti da digerire, malgrado l'ironia del core romano.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0