PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Canzone nel vento

. Canto il timore e la paura
canto il senso di appartenenza
, il sorriso e la voglia di capire

. Canto l'errore, il vento
la confusione e la voglia di sentire

. Canto la conoscenza
e il bisogno di sapere

. Canto il pianto, l'orrore
la mestizia e la malaparata

. Canto il dono del sorriso
la carezza e il senso d'impotenza

. Canto il valore lasciato per strada
l'umiltà di una semplice risata
e la voglia di giocare

. Canto la voglia e ' l provare
il coraggio e il gesto
, perché sento che il cuore
è spesso gettato oltre la staccionata

. Canto la gente sfortunata
e canto i ricordi dimenticati
, l'ignavia e la dura notte che sfigura

. Canto oltre il silenzio di giornata
che non aiuta alcuno
e canto per suscitare un sorso di parole
, una storia da raccontare o una bevuta

. Così canto per non cadere
tra le braccia forti del silenzio

. Per non temere d'esser vivo e incerto
per essere vivace e sincero
come fossi un vino, forte d'annata

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • STEFANO ROSSI il 07/10/2011 19:18
    Un brindisi a Walter con un buon vino rosso d'annata eccezzionale... bravo... mi piace...
  • Anonimo il 01/06/2011 20:11
    Tranquilla. Serena
  • Anonimo il 29/05/2011 20:31
    canti per non dimenticare... molto belle le parole... complimenti
  • Anonimo il 10/09/2010 11:46
    canti ma sei stonato però
  • Anonimo il 22/06/2010 18:15
    Una giovane promessa, canta sempre, meglio conta. Scherzavo: ti leggo da quanto?
  • Don Pompeo Mongiello il 11/04/2010 12:25
    Una poesia oltre che essere scritta con vera maestria poetica ci fa anche da insegnamento. Bravissimo!
  • Ugo Mastrogiovanni il 10/04/2010 15:33
    È la prima opera che leggo di Walter Maccari e ne rimango piacevolmente coinvolto. Uno che dedica una lirica al sapere, all'orrore, al sorriso, a una risata e lo fa gioiosamente come se fosse "un vino, forte d'annata" crea veramente un lavoro d'eccellenza. È un levarsi alato e leggero su di un mondo fatato, ben diverso da quello che viviamo, un movimento di versi che si sovrappongono a spartiti di eccezionale sonorità; è uno spaziare di delicati concetti che ispirano fiducia e allegria.
  • Pietro Roversi il 24/07/2009 21:45
    Una canzone intelligente, come quella di Cochi e Renato
  • stefano manca il 20/12/2008 13:43
    essere un vino sempre

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0