accedi   |   crea nuovo account

Mutando nell’infinito mi smutando in Orco a Into the wild

Sono una vecchia isolata Quercia
Emigrata in un ipotetico fantomatico Alaska
Nella ricerca genetica-informatica
degli archivi cosmici Akasha

Cerco una straordinaria compagna
Non una patetica ed abbarbicante edera
Parassita succhia linfa

Ma una compagna rampicante glicine
Che sappia fiorire in dolcezza
Ed inebriarmi offrendomi
Il mangiare dal suo dolcissimo cuore

Intanto caro Semino
ti semino ti pianto
non piango

rido fra le mie ghiande
Senza limiti di confini

Accidenti mi sono ridotto in Mutande
Rosa con cuoricini neri

In premi fragola
Che fregola

Una gola ardente arsa

Una fregatura segatura che non vi dico
Ma me ne frego della dea Natura

Sono un volgarissimo Orco!!!!

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Annamaria Ribuk il 01/08/2008 10:52
    ... anche il "deo" Orco fa parte della dea Natura... carina!!! Ann

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0