PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ninfee

Gocce di rugiada
in un mattino
ancora addormentato;
beata te,
che riposi,
sogni...
Mentre io traccio
contorni evanescenti
sulle rive di uno stagno,
nel quale non mi specchio;
ondeggiante di pensieri,
come colori
su una tela
trasparente...
Folletti scherzosi
riflessi in superfice
catturano il mio sguardo,
che non alzo;
vagheggio nella bruma
complice,
che ritarda il disincanto.
Poi viene pioggia,
s'increspa l'argentea superfice
e danza la mia mente
invidiosa
al leggero volteggiar
d'una farfalla,
che di desideri
tesse le sue ali.
E or che s'è fatto tardi
ed anche il silenzio
ha smesso di parlare,
si è lavata alta Arien
regina;
finalmente ho smesso
di cercare.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0