accedi   |   crea nuovo account

k 'ama su tra vent'anni

Nun riesco a trova’ ‘na posizzione
che nun me risvej li dolori
dopo ‘n minuto io c’ho già er fiatone…
ce mancano ‘e cardane co’ i sudori.

Bisogna da’ ‘na scossa a ‘sto rapporto
forze ce vole er peperoncino
la carza a mezza coscia co’ riporto
de pizzo nero…e sopra er pedalino.

Amo’ nun me s’allaccia più er vestito
nell’anni m’è cresciuto er girovita
ma pure tu te sei appesantito..
ner letto è ‘na mattanza…’na corida!

Li piedi ce l’ho sempre congelati.
Come me ripresento a te ‘ste sere?
Er body rosso co’ du’ allegati
bell’imbottiti pe’ riarza’ le pere!

Tutto ‘nvortato drento a quer piggiama
me vie’ da ride quanno che te vedo…
io so la griffe de Dorce e Gabbana..
tu ‘nvece ronfi e soffi sur coredo.

Quarcosa è rimasto inarterato:
quanno m’abbracci, pare che te tuffi…
l’amore che c’ha quasi ‘ncatenato…
e pure le cambiali co’ li buffi!!!!!

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 13/10/2016 11:32
    In romanesco poi rende il tutto na perfezione. Bravissima!

3 commenti:

  • Giacomo Pilia il 19/04/2009 23:39
    Eccezionale, come sempre. Un saluto
  • VINCENZO ROCCIOLO il 20/08/2008 11:30
    Bellissima la poesia, straordinario il titolo: hai delle grandi qualità nella poesia dialettale, Sabrina; lo dico sinceramente: sei proprio brava.
    Complimenti! Un abbraccio.
  • Pablo X il 02/08/2008 03:18
    bravissima, forte la storia della corrida

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0