PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Agopuntura di una mosca-scorpione in casta luce

Quando sarai stanca Amica mia
Ti massaggerò la pianta dei piedi

Per toglierti quel costante dolore
dalle tue splendide tornite gambe

Ogni punto corrisponde
Ad un organo del tuo corpo

Dovrò imparare a leggere
Questa partitura di musica

Non posso amorevolmente baciarli
Succhiare dolcemente quelle dita alate

Sarebbe veramente troppo erotico

Mi porterebbe inevitabilmente
con il tuo consenso

ad un volo intrecciante
Di mani in baci
Su tutto il tuo corpo
unendo il tuo Sole alla Luna

Sgranando in magnifiche perle
I pori del tuo cuore in sacre rose

Fra montagne e valli
Tra colline e fiumi in fiori

Per portarmi infine
Dopo tanto girovagare

Al miele ed al latte misterioso
Del tuo paradiso già ansioso

In paura di essere dimenticato
da dolcezze Amate!!!!

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 02/08/2008 14:07
    Ciao, passavo, ti lascio alla tua Arte d'arti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0