accedi   |   crea nuovo account

notte infinita

Come un guanto
di seta blu
scivola la notte
oscurando l’orizzonte
avvolge con le sue dita
la città
brivido intenso
corre sulla schiena del mondo.
Così è da quando sei mia
mi avvolgi
brividi intermittenti
scivolano i corpi setosi
hai oscurato il mio raziocinio
sei tu la mia notte
“che non deve mai finire”.

Comme nu guànto
‘e seta blu
sciulia ‘a nuttàta
scuranno ‘o juorno
arravuglia cu ‘e ddita
‘a città
rappiglio gruòsso
fuìe su ‘a rine du munno.
Accussì è ‘a quanno sii mie
m’arravugli
rappiglio ‘ntermettente
sciuliano ‘e cuorpe ‘e seta
ha’ stutato pur’ ‘u ragiuna’
sii ttu ‘a nuttàta mie
“che nun ha dda passa’ maie”!

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Guido Vaccarini il 03/04/2011 14:32
    Bellissima poesia, complimenti!
  • Massimiliano Esse il 12/08/2008 17:48
    Mio padre è salernitano e quindi riesco a leggere anche in dialetto, e in questo, diventa musica avvolgente... . Bella.
  • Adamo Musella il 03/08/2008 00:17
    Un canzone, una poesia comunque la si legge Brava Sabrina baci
  • Vincenzo Capitanucci il 02/08/2008 20:14
    Stupenda... sii tttu.'a nuttàta mie... nun ha dda passe' maie... ha ragione Mario... l'italiano sembra senza vita... in paragone... non perdiamoli questi dialetti... so a nostra lingua... materna... ed io non ne ho... ma li adoro...
  • Mario Vecchione il 02/08/2008 19:40
    bello ritrovare una concittadina, l'italiano va bene, ma il nostro dilaetto è tutto un'altra cosa, la muscialità la fa da padrona...
  • Anonimo il 02/08/2008 18:35
    bell'idea mettere la "versione" in italiano...

    ma si capiva sai?
    bella!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0