PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lacerando il velo in un Amore Agostiniano

La mia dolce povera tristissima pazzia
Strappando i tuoi pudici velati vestiti
Troverà pare in pace
fra i tuoi disonestissimi bottini l’invisibile cammino

Nella nostra pioggia di luce
La sua folle antica ricchissima Sposa
Si risveglia cadendo dal suo Celeste paradisiaco letto
Fra le mie accoglienti soffici braccia in piume di mare

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Rodica Vasiliu il 18/12/2008 11:44
    Nella pioggia di luce, un attimo di dolcezza tra le braccia soffice del mare.. onda sul onda!!
    bella e tenera! Ciao! R
  • Anna G. Mormina il 04/08/2008 11:54
    ... è una dolce pazzia che offre accoglienza fra braccia in piume di mare...
    ... dici "niente"?!?...
    ... baciotto! :bacio:

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0