accedi   |   crea nuovo account

Ignoto sfortunato

A tutti coloro che il Fato o la sfiga
con ingordo cinismo gli han rubato la vita
vorrei dedicargli un canto parlato
affinché si esorcizzi quel destino spietato.
Quella luce negli occhi pieni di vita
nella lapide al ciglio del marciapiede
che incontro ogni giorno in quella curva in salita
e se non ci fai caso nemmeno  si vede.
Quella foto in un tempo migliore scattata
se guardi in quegli occhi sembra che chiede:
“ Perché la mia vita è stata spezzata? ”
lui che credeva in un Dio a cui ora non crede
e per colpa di una manovra sbagliata
ha perduto la vita e anche la fede.
Son passato in quel punto a tutti gli orari
e con gli occhi un istante in quell’angolo triste
ogni volta l’ho visto stracolmo di fiori
nell’immenso dolore che in qualcuno resiste.
Un strana tristezza mi prende di dentro
ogni volta che passo per quella via
forse è la paura che in un marmo bianco
possa finirci un giorno anche la foto mia!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 02/02/2016 09:20
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua straordinaria!

10 commenti:

  • Gion Strusciante il 26/07/2011 00:43
    ho cliccato "un opera a caso" ed è uscita questa, maledizione!
    Non lo dico perchè non mi piace, lo dico perchè mi è successo proprio oggi, e speravo proprio di non pensarci, almeno per un attimo... strana la vita, eh?
  • roberto volpe il 07/01/2010 21:27
    Carina
  • vincent corbo il 14/12/2009 09:31
    A volte penso anch'io le stesse cose: perchè il destino si accanisce con alcune persone? poi un'altra frase mi viene in mente: " Non è vero, è solo questione di tempo e ce n'è per tutti". Comunque molto bella.
  • Anonimo il 26/11/2009 14:30
    motlo bella... malinconica... ma bella
  • elio roberto rinaldi il 27/07/2009 21:37
    bella
  • cristina gafton il 28/04/2009 19:51
    bella... c'è una sofferenza malinconica nelle tue parole...
  • MARIANO PROCOPIO il 05/12/2008 14:01
    purtroppo la morte per tanti può essere anche liberazione, pace, specialmente Chi non sopporta l'ipocrisia umana.
  • MARIANO PROCOPIO il 01/11/2008 14:21
    trovo molta sensibilità per il morto ma scarsa per "Zio" ancor vivo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0