PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I due pazzi ce la fecero

Fuggirono divincolandosi dalle guardie e dalla gente,
corsero con gli occhi sgranati, più forte che potevano, lasciandosi graffiare e strappare i vestiti, emettendo grida d'animale braccato.
Corsero fino a sfinirsi ritrovandosi sporchi, nudi e ansimanti, uno di fronte all'altra. Si guardarono spaventati, lui si mise a piangere, guardando fisso il seno di lei,
lei affondò i denti nel petto di lui, lui pianse più forte e i morsi si fecero più lievi fino a diventare baci disperati, carezze impaurite e il pianto diventò un riso e poi un urlo di gioia, all'unisono immersi in quella struggente tenerezza fino all'ora negata.
"Quelle due bestie sono ancora lassù!", disse la gente, "sopravvivono su quella montagna arida e impervia dove nessun Cristiano potrebbe stare nemmeno per un giorno.
E allora ritornarono, ancora più cattivi, "per il bene di tutti!
I due matti li sentirono arrivare cominciarono a tremare, digrignarono i denti, si strinsero conficcandosi le unghie nella carne, rivoli di sangue percorrevano la statua di terrore che formava i loro corpi avvinghiati e le loro urla agghiaccianti oscurarono il cielo.
La gente si fermò atterrita dalle diaboliche grida... tornarono tutti nello lora case scure, chiusere le porte per proteggere i loro cari.
Ora i due pazzi leccano il proprio sangue, bevono la bava uscita dalla loro bocca, succhiano il sudore dai loro corpi, nutrendosi del loro proprio dolore fino a farlo comparire, fino a perderne ogni traccia.

 

3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 25/01/2013 11:46
    ... originale ed intrigante, b
    ben scritto,
    complimenti...

2 commenti:

  • Monica d il 29/08/2008 15:12
    Hai ragione, me ne scuso, avevo due versioni e ho pubblicato quella ancora "sporca".
    Altra venia, non scelgo mai lo scaffale giusto. Dalla prossima...
    Grazie del commento.
  • Ezio Grieco il 29/08/2008 14:54
    .. sarebbe stato meglio se lo avessi pubblicato come racconto, e come tale è molto interessante; anche se tutti gli scritti, se scritti bene, sono "poesia".
    Dovresti però correggere alcuni errori di "battitura", qualche plurale e qualche articolo; quisquiglie.
    Comunque piaciuto; insisti e... leggi.
    clezio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0