accedi   |   crea nuovo account

ANDANTE, ALLEGRO MA NON TROPPO.

ANDANTE
chiaro e trasparente
come pozzo d'acqua
ruggivo nell'animo
forze centripete
spaccano in 2 le arterie

ALLEGRO
il Mare, il Vino
né Bacco, né Mercurio

ALLEGRO MA NON TROPPO
son triste nella stanza
ondeggio lagrime asfaltate
catramate come su strada
M'imbestialisci sergente
fuori alla porta
sussurri qualcosa
che non mi va giu'

RAPSODICO
il signore della guerra "Warlord"
era il vicino della porta accanto
L'hanno rinvenuto ieri
morto, con una busta di plutonio
avvizzito in un cassetto

ANDANTE
ma resto in sospeso
non so: credo alla morte
o al pleniluneo che
scorgo la sera?
Il grillo canta ancora
or di giorno or di notte

ALLEGRO MA NON TROPPO
é plumbeo il suo silenzio
s'avvinghia alle mie dita

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • elio roberto rinaldi il 09/11/2009 22:26
    ok
  • Don Pompeo Mongiello il 26/09/2009 16:03
    Molto significativa, mi riporta alla mia origine campana e alle noti di Verdi, cantate dal nostro gran Caruso.
  • Emanuela Lazzaro il 17/08/2008 18:00
    parodia ermeneutica di stati d'animo temporanei, scelta metrica consona a questo alternarsi equilibrato di note anticonformistiche e di riflessioni sul silenzio talvolta confuso che insidia questa società.
  • Vincenzo Capitanucci il 06/08/2008 07:14
    Allegro... credo al pleniluneo... di certo quando ti vedrò m'illumino...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0