PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Intralcio

Ti parlerò di lui
anche se non lo vuoi,
lo so che ti fa male:
ma io vi amo uguale,
so che non puoi capire
e quello che ti dico
per te è solo morire,
ma non posso evitarlo
come non posso non amarlo.
Per me è una tortura
che esistono due uomini
nella mia mente oscura,
che non potrei mai vivere
ne concepire
e neanche più pensare
al mio avvenire:
se solo uno di voi
dal mio cuore potesse poi sparire.
Sono rimasta offesa
umiliata e infine arresa:
scoprendo nel mio cuore
un tale peso
che non riesco più
neanche a sorreggere
e più la luce non riesco a scorgere.
Intralcio di una vita mal vissuta
che mi trascina
dentro un vuoto immenso
dove per me niente
ha ormai più senso.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • nemo numan il 12/11/2009 17:56
    piaciuta
  • Adamo Musella il 07/08/2008 21:20
    Questo sentimento è una partita difficile, un sospiro prima dell'apnea, un travagliato cammino nella lunga notte buia... poesia piena di sfumature e di straordinaria umanità. Brava Carmela. baci
  • Fabio Mancini il 07/08/2008 08:06
    Two è megl de one! Non preoccuparti, ma sai quante donne ti inviadiano? Ciao, Fabio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0