PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

dimwnticare

del dimenticare
quanti sono i sinonimi?
Li userò tutti, qualcuno
dovrà pur farmi effetto..
voglio il prozac del tuo oblio,
scordarmi di te, davvero,
come un’acqua attesa da millenni…
ora so che fa male, molto, tenerti qui,
nelle stanze quotidiane della mia mente,
di quali stratagemmi mi devo servire
per azzerare la memoria?
Io non t’imploro e non lo esigo,
però puoi allentare il laccio,
quello che ci teneva all’universo,
padroni assoluti di noi,
e del nostro orgoglio che, infine,
ci ha travolti….

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Raggio Di Luna il 16/04/2012 22:27
    a volte quel laccio ci stringe troppo, altre ci aggrappiamo per non sentirci persi... bella poesia!
  • Mea il 07/12/2011 05:15
    Non ci si allontana, archiviamo secondo il nostro tempo. bella!
  • Fabio Mancini il 07/08/2008 08:13
    Uno spaccato di vita vero e dignitoso. Fabio
  • B. S. il 07/08/2008 00:27
    Bella... Ci si allontana molto lentamente... e non so come...
    finalmente un giorno non fa più male...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0