PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

bombay

Strada ammantata di consueto.
Vele di cuoio riparano le luci
degli occhi azzurri dietro le vetrine,
nastri di cuoio spesso, grate di tombini
su anime passanti.

Sono acqua i miei colori
sul ferro nero. Sono sterpi
i miei pennelli
a rinvenire in un rigagnolo di strada.

Lacrima di Bombay
sorgente dal bassofondo
gonfia gli oceani
che attraverso in silenzio,
pago della Parola.

È un "no" accasciato nel sonno
il mio sorriso uguale.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 18/03/2009 12:28
    “Pago della parola”
    Questa poesia ha scavato ed ha scritto la memoria dell’autore.
    Questa poesia scava è scrive la memoria del lettore.
    Questa poesia è Universale.
    Sono onorata di averla letta e, sono felice di essere solo amante della poesia, altrimenti, avrei fatto un commento “consueto”… .
    Che chiusa!!! “ È un "no" accasciato nel sonno/il mio sorriso uguale.” Grande opera!
  • Vincenzo Capitanucci il 07/08/2008 08:24
    Quanti tombini... sulle anime passanti... ed una lacrima di Bombay... cerca di gridare disperatamente il suo Si...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0