accedi   |   crea nuovo account

ombre

ombre che schiantano
la loro immagine
nell'improprietà dell'essere,
la strada nel momento,
tramonto, buio,
silenzio,
e nell'eco lontano
il fragore del fremere fermentato,
scintille nell'abito della sera
vogliosa di ampia sensitiva calma,
passi lenti, continui, scivolano
nella strada eternamente uguale
nei modi diversi,
i pensieri lenti
affollano il cervello
a volte confuso,
a volte in lampi di genio non colti,
il passato preme
alle porte del futuro
compresso nel presente,
confusione scivolosa,
il tempo passa pensando,
la strada finisce
attraversando la porta,
chiudere un mondo alle spalle,
e nella penombra
essere nel mondo
ed appartati dalla vita,
la strada sotto di me
vivaio di continui scontri
di sconosciuti incontri.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Giovanni Di Girolamo il 09/06/2006 12:19
    Ciao Luca,
    bella poesia... descrive bene l'inconscio dell'uomo.
    Se ti va, leggi/commneta qualche mia poesia.
    Giovanni

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0