PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

parole di giorno

Mi scortica la violenza
delle parole i palmi ed i polsi.
Mi strattonano mi tirano altrove
dove non le sappia assiemare
stizzite come un bruciore
di taglio sugli occhi
e stridule come catene
d'àncora che ara.

Ma quando il pastore
a ticchettii di bastone
e un abito liso di prete
nella notte lunare
chiamano forze oscure
al raduno, ecco,
le parole si accodano alle Paure
docili al mio respiro corto irregolare
ribelli al vento di mare.

Graffiato a sangue, no, picchiato
da parole pesanti lette dette
male
parole selvagge dette
male
vessato
da parole importanti lette male

punture di vespa alle ascelle,
sputi d'acqua torbida nell'emisfero australe
lontano ed uguale,
ho voglia di piangere sulla mia insolvenza
di sbieco al dolore
e sulla forza che mi è stata data
per negare il ritorno a rondini tardive
timbrando parole di sola andata

per mare
di giorno
speculare
che non si lascia incidere né sorvolare.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 08/08/2008 02:07
    Fanno male queste parole...
    scrivi in modo interessante, mi piacciono i termini forti che usi, senza mai cadere nè nella volgarità, nè nella scontatezza...
    Ancora i miei complimenti Nicola
    ciao
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0