username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L’agonia di un Pato furfantton in gelida maglietta Patagon

L’onda di luce infrange
Le coste notturne della morte

frastagliandole in schiume fosforescenti

Uscisti tuya
Ushuaia usurata

Li termina la strada
in precipizio

di colpo
È la fine del mondo

In mare non c’è più pesce
Colpa di Confucio
a quel maledetto giorno
quando c’insegnò a pescare

era meglio una elemosina-dono
irresponsabile è l'uomo

Per bon ton ultrasensibile
Non puoi donarmi
Quello che è gia stato mio

Mia incertissima
non proprio Venere
Di fuoco
Rischi consigli ed abusi
puoi rimanere veramente rimanere incinta

Su questa tua zona franca
Di spiaggia bianca

t’invito ormai a non sederti
non c'è più tempo

Tenendo con un piede
Il posto affollatissimo
d'un salvifico ombrellone
in splendida natura

Fulmini di Sol leone
Un'improvviso temporale
Cadono fiori di pietra bianchi
Sono grandine fuoco di cielo Cuore

pesanti come Tombe pensanti
sfuggi!!!!

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anna G. Mormina il 08/08/2008 10:06
    ... "Li termina la strada in precipizio"...
    In questo mondo, nella nostra vita, sono molti i pecipizi che dobbiamo cercare di superare...
    ... bravo, come sempre... un grande abbraccio!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0