accedi   |   crea nuovo account

fiordiluba

ispirata da una poesia americana

in fondo al parco sedeva
la ragazza spettinata e bruna,
gli occhi stanchi,
come dopo un temporale…
le chiesi con la mente:
“perché mi stai portando con te?”
sguardi negli sguardi, i nostri,
non si ravviò i capelli
(non ne aveva bisogno)
e mi rispose con la sua mente,
quando le passai accanto
con l’esausta fatica dei suoi giorni:
“È la mia semplicità…”

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0