accedi   |   crea nuovo account

La marcia podistica

Un giorno uscendo di casa,
vidi dei podisti passare per la strada,

eran maschi ed eran femmine, giovani e non più tali,
ma erano tutti gioiosi ed uguali nel volere camminar.

La strada era quella antica di valle, percorsa da uomini e
animali che, col dorso e coi carretti, hanno nei vari tempi
trasportato e scambiato, tutto quel che è servito per poter
vivere quassù.

Quindi le pietre che vedi in terra sono lisce e, sui lati
risultan solcate, perché i carri con le ruote ferrate,
con fatica e per secoli son passati di qui.

I podisti camminano su un bel pezzo di storia,
ed è già una vittoria, calpestare questo suolo, ove
altri uomini un tempo, hanno speso energia e sudor.

Il percorso è segnato da vernice su rocce,
esce ed entra nella strada già detta,
fa salite e discese, taglia torrenti, argini e fossi
e corre pure in linea retta.

I concorrenti, che viaggiano in copia,
devono marciare in armonia tra loro.

Infatti qualcuno conta, un’ altro sbadiglia, però,
nessuno se la piglia e si diverton così.

I non più giovani controllano il ritmato fiatone,
e se pulsa veloce,
si procuran l’aiuto, di un amico bastone.

Si son visti gli over 70, salire per s. Vigilio di Bione,
i ricordi le forze buone e lo spirito alto,
gli hanno permesso di giungere lassù, dove:

i faggi del santuario, che hanno più di cent’anni,
li hanno accolti come fratelli, e regalato ombra ed ossigeno,
come han sempre fatto, chiedendo per loro solo un po' di rispetto.

Il percorso era stato ben scelto, i marcianti han camminato
in armonia ed azione
e non sospinti da una individual competizione.

Un grazie stampato, lo dobbiamo a tutti
gli oganizzatori che han dato il lor meglio, affinché
questa giornata,
poteva essere da ognuno con piacere
ricordata.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Riccardo Brumana il 05/10/2008 10:59
    grazie d'averci portato con te tramite questa stupenda poesia, anche me piace andare in montagna a camminare, l'essere immersi nella natura...
    a me personalmente quieta lo spirito.
    complimenti Oreste, a rileggerci.
  • Anonimo il 14/08/2008 15:39
    carina anche se assomiglia più ad una filastrocca, si capisce però che hai vissuto questa giornata con piacere e coinvolgimento

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0