username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Invisibili divi in visione scalcianti nel Sacro profano 999

Immagina quando lavi i vetri
Divisi da un invisibile trasparente muro
D’avermi di fronte

io dall’altra parte
Facendo i tuoi stessi gesti in perfetta sincronia

Mani veloci in rapidi movimenti sorridenti
cercanti gli occhi le labbra
d'un semplice soave
sublime tocco in carezza

La salute è un gioco d'Amore
ed io mi ci distruggo letteralmente
i sacri gioielli

nella ricerca di questo contatto irraggiungibile
Senza mai potersi stringere
Abbracciarsi afferrarsi

Degeneriamo astrattamente

mi sento come quello
rimasto attaccato con la lingua
al ghiaccio freddo gelato del Freezer

alla fine in pura concreta follia

Qualcosa di vera vita
struggente è l'erica

soltanto vista e amara amata

Diventa disperata trepidazione
Di un sempre più pulito

di pulire e pulire
nel perfetto incantesimo
punire se stesso

nell'attesa

improbabile tesi
D’un miracolo trasparente

Svanente nel teorico nulla

Continuiamo a vivere
Nella vita malgrado tutto
in penna piena di pena

Vicini a questa Intangibile maledetta
vicina lontanissima stella

Inasciugabile è in me
La vetrata in luce delle cattedrali

Con impensabili favole di giornali stracci

A causa del flusso continuo stralciato

Inarrestabile delle nostre brucianti lacrime
d’Amore in vitigno

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • francesco muscarella il 20/09/2008 15:02
    voto 11!!!!!!!!!!!!!!!
  • Annamaria Ribuk il 17/08/2008 12:20
    riesci sempre ad oltrepassare quel muro trasparente, tu entri nella mente, sei nell'anima sempre presente... e lì non si mente...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0