PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A mio padre

Babbo, la vita ci ha concesso poco tempo per stare insieme:
tu che desideravi un maschio, hai avuto poche occasioni per stare con me.
Di quelle piccole cose fatte nei cinque anni trascorsi con te, ancora oggi porto il ricordo.
Un dispiacere ancora mi porto dentro, è il calcio che ti detti in una gamba,
che ti sei portato dentro la tomba.
Sei sempre nel mio cuore, anche se sono passati tantissimi anni.
Scusa se vengo raramente sulla tua tomba, ma varcare quel cancello mi da’ dei brividi che mi bloccano.
Una sola volta quel cancello non mi ha fatto quell’effetto, quando in sogno tu mi dicesti : “sei un ignorante, ancora non mi hai portato a conoscere tuo figlio.”
Il giorno dopo sono venuto da te con Matteo e mi sono sentito sollevato.
Ciao babbo, un giorno, quando Dio lo vorrà, saremo di nuovo insieme.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 18/12/2013 02:11
    apprezzata... complimenti.

11 commenti:

  • andrea venturi il 20/08/2008 12:13
    si luciano i genitori perdonano sempre tutto e l'importante è averlo nel cuore.
  • Luciano Sansone il 20/08/2008 11:52
    Belle e commoventi queste parole che hai dedicato a tuo padre.
    Non portare rimorsi per le marachelle e i dispisceri arrecati a tuo padre; ti ha perdonato. I genitori non portano rancore.
    E non preoccuparti di quel cancello, l'mportante è aprire quello che abbiamo nel nostro cuore.
  • andrea venturi il 19/08/2008 13:00
    grazie sara delle belle parole sono sicuro che sarà come dici tu.
  • sara rota il 19/08/2008 10:32
    Sono certa che l'amore di tuo padre ti accompagnerà per sempre e quando giungerà il giorno in cui lo rivedrai, ti prenderà per mano ed insieme riempirete l'esistenza di sorrisi. :bacio:
  • andrea venturi il 18/08/2008 11:03
    io credo che non serve andare dentro quel cancello l'importante è averli nel cuore i nostri cari. grazie per il commento
  • andrea venturi il 18/08/2008 08:27
    grazie del commento, si è vero i genitori perdonano tutto come faccio ora io con mio figlio mi arrabbio e poi dopo 5 minuti tutto ritorna come prima.
    ciao a presto
  • andrea venturi il 18/08/2008 08:14
    si molto duro passare quel cancello è giusto come dici tu posiamo essere vicini a loro anche non passando quel cancello ( grazie del bel commento
  • Cinzia Gargiulo il 17/08/2008 23:56
    Una lettera commovente... non rammaricarti di nulla anche tuo padre dalla
    sua nuvola nell'immensità continua a donarti il suo amore e ti sente vicino ed è il tuo angelo che nei mesi scorsi ha vegliato su di te e continuerà a farlo. Quel cancello del cimitero è duro da varcare, accade anche a me ma ci sono altri modi per essere vicini ai nostri cari che comunque sono sempre vivi nel nostro cuore.
    Ciao...
  • sabrina balbinetti il 17/08/2008 23:10
    bellissime parole per un papà speciale... ed un figlio altrettanto... non ti rammaricare di niente ora sei papà anche tu e sai che i genitori perdonano tutto... ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0