PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A parrata ru sciekku.

Tinemmuni stu dialettu!
E pikkì ni l’hamo a tenəri?
Pikkì tu riku iu!

U nnu siənti in ta lu pettu,
stu ruci… stu antiku amuri?
Io a stə kosə ci krìu!

C’è u rikuordo n’ta stu dettu,
korə ri patri, l’ammuri.
Avə a rristari, iu priu!

U skaluni!… u vekkiu tettu!
N’ta città sonan i mura,
ra parrata ri to ziu!

Paliemmu, stu vekkiu sciekku!
stu fitusu ra malùra!
A città ri l’arrikrìu!



N’à skatulietta c’è u biekku,
ka parrata ri dda fuora,
bedda matri… ki priu!

Su i quattru, mi va kurku,
ka nni kurrunu li ura,

…o doman sarò restìo…

2007

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • sabrina balbinetti il 20/08/2008 16:40
    fino alle prime due strofe sono andata forte... però vorrei sapere qualcosa di più su questo asino... perdonami è molto difficile per me
    ciao a presto sabry

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0