accedi   |   crea nuovo account

mi' padre

Nun è ‘n’ offesa…penzo se po’ di’
come m’ha fatto ride a me mi’ padre
nun c’è nessunartro che lo po’ capi’…
o forze…quella poraccia de’ mi’ madre.

Allegro scanzonato lui era er Romano
ch’aritrovavi nei firm de Ardo Fabbrizzi
magnava poco, c’aveva er gusto strano…
detto:”sua maestà bocca a tre pizzi”.

Artruista, pronto a da’ sempre ‘na mano
pure se la saccoccia era vota
cor naso lungo…forze ‘n po’ Cyrano
e ‘na senzibbilità degna de nota!

Lui m’ha ‘nsegnato tutti li valori
che tengo tutti chiusi drento er petto:
d’anna’ a letto tranquilli …o so’ dolori
si la coscienza rosica ‘n pochetto!

M’ha trasferito l’amore pe’ ‘a poesia
nun je mancava mmai sur comodino
er libbro de TRILUSSA…”E COSI’ SSIA”…
era la sua preghiera der matino!

Me manca quella mano grossa e calla
quanno che me sfiorava su’ la testa…
e certe sere me pare de sentilla..
“dormi a papà che t’arisvej lesta”.

Nun me rassegno e me manca tanto
la sua citofonata della sera…
‘n fischio e saliva…’n minuto sortanto
pe’ saluta’ a la sua maniera!

Quanno che passo davanti ar circolo de bocce,
che co’ li soci sui ce stava ‘nzieme,
me sembra de vedello tra le facce
de chi è rimasto e je voleva bbene!

Ancora adesso me fermeno ar giardino
“NUN C’È PIU’ MARIO, CHE TIRAVA SU ER MORALE”.
Spaghetti ar sugo, barzellette e vino…
era er suo Credo pe’ nun sta’ mmai male!

L’orgojo de mi’ padre: “mi’ fratello”
er piccoletto j’ha dato la soddisfazzione.
Pe’ fallo studia’…lui, era quello…
che ‘nzieme a mamma sartava ‘a colazione!

Poi, ‘a sofferenza.. e quella malatia
che t’ha conzumato a poco a poco
nun t’è mmai stata detta ‘na bucia
così aspettavi…pe’ usci’ dar gioco.

Adesso vedo mamma sola sola
che quanno è sera se ritira a casa..
dice che ancora ce scambia ‘na parola..
e lui je fischia…. nun è persuasa!!

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 20/08/2008 23:14
    Che bella questa dedica per tuo padre in romanesco...
    quanto mi piace il vostro dialetto, e come se avesse la capacità di alleggerire tutto questo dolore...
    bravissima Sabrina
    ciao
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0