accedi   |   crea nuovo account

'a tartaruga

Ho fatto pe’ quarant’anni senza sosta
‘a vita d’a tartaruga tra i balocchi
a rosica’ co’ rabbia solo ‘a crosta…
senza vede’ ‘a mollica sotto l’occhi.

Ho camminato co’ la testa bassa
co’ ’n ber fardello da portammo ‘n groppa
guardanno sortanto ‘a vita che passa
io e la lepre ‘n lotta pe’ la coppa.

Così ho afferato er senzo più profonno…
la vita nun è ‘na corza tra tignosi
che cercheno de fregasse a tutto tonno
ma dasse ‘na mano e esse’ dignitosi.

Quanno m’è capitato all’improviso
de cappottamme co’ la panza in su
ho visto er celo, come era diviso
celeste de giorno e la notte blu.

Ho visto er sole, ‘n zai ant’era callo
che m’ha asciugato la ferita grossa,
le nuvole bianche su ‘n tramonto giallo
e trasformasse in un’arancia rossa..

Ora ho capito che li momenti brutti
serveno a tutti pe’ facce penza’
pe apprezza’ la coccia de’ li frutti…
che quanno serve se po’ pure magna’!

Se semo conzapevoli de questo
allora è ‘r momento de veni’ aiutato
‘na mano de ‘n amico ar posto giusto
che te raddrizzi lungo er seminato.

St’involucro che aricopre er monno
è come la coccia verde der melone
va ‘ncisa e tassellata fino ‘n fonno
se trova n’a porpa er core de’ perzone!!

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 18/12/2013 17:07
    piaciuto l'uso delle rime
  • Vincenzo Capitanucci il 21/08/2008 09:29
    No ti adoro.. li ho mangiati anche io questi grappoli d'uva... ed ho voglia che diventano presto vino...è quasi settembre...

    da 0 a 56.. ero a 200 poesie forse..è pure brutte... negli ultimi 7 mesi.. ne ho scritte più di mille... un po' meno brutte...
    aiutano a campa'... Eti.. assicuro faranno suonare le campane... almeno io suono già...
    SCUSA PER IL SUONO... NON è DEI PIù PERFETTI...
  • sabrina balbinetti il 21/08/2008 09:22
    favole di esopo? o realtà rovesciate come la tartaruga-sabry?
    vorrei che la semplicità dei miei versi(molto casarecci)potessero arrivare a tutte le persone, che come me hanno attraversato i momenti bui della malattia... solo per dire che anche l'esperienza più negativa... più brutta... può insegnarci sempre qualcosa di costruttivo!
    io ho imparato ad assaporare la vita come un grappolo d'uva... piano piano un acino al giorno... senza aver paura che diventi presto vino!
    ... e poi ho ripreso a scrivere(purtroppo per voi) da 0 a 43 anni ero a circa 20 poesie... da 43 a 44 ho raggiunto il tetto di 120... indipendentemente da come sono belle o brutte... m'aiutano a campa'!!

    ciao vince'... t'ho stressato? scusa
  • Vincenzo Capitanucci il 21/08/2008 08:22
    Er senso più profonno... e svegliarsi dal gran sonno...
    et facce penza... tanto po' me li magno sti pensieri miei... e diamogli pure sta manata... sperando de non prendere uno schiaffone... fino 'n fonno.. si..
    Quanto mi diverte leggerti... suscitanno... ottime impressioni... dovrebbero leggerti gia all'asilo... ti assicuro... che cambierebbe er monno...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0