accedi   |   crea nuovo account

La mia cara Napoli

C'era una volta
n'angolo e munno bello, accussì bello
ca Dio l'avetta fa cu nu penniello.
Azzurro o cielo, giallo e cucento o Sole,
pe tutta a matenate, fino e a sera;
quanno pò, stanco e scurnuso,
pittanno e russo e cose,
se cocca addurmentannose
dinto a nu mare blù.

E primmo e piglià suonno
passa e cunsegne a Luna,
vestennola d'argiento;
scarfannole a nuttata
cu na trapunta e stelle,
ricennole po : oi Luna,
mò t'aggio fatta bella,
rai n'uocchio e nnammurate,
rieste e sentinella.

E a Luna, impertinente,
ridenno alleramente,
resta e pattuglia n'cielo.
Spicchiannese po' a mmare,
dona a st'angulo e munno
tutto l'argiento suoio.

O vommero, Pusillepo e o Vesuvio,
tenennese pè mmano,
fanna a curnicia o puorto;
Santa Lucia allummata,
dà luce de llampare,
fà suspirà Poeti, turisti e nnammurati.
L'argiento e chella Luna
appiccia vichi e vie,
e a chi lle stà luntano
l'appiccia a nustalgia.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 08/11/2009 18:03
    stupenda, complimenti!
  • Ezio Grieco il 04/10/2008 23:48
    Ciao Giovanni, mi sono emozionato al tuo commento; non è che hai esagerato?
    ... certamente che sono orgoglioso di essere Napoletano, ho ancora una figlia, uno genero ed un nipote a Napoli, quindi almeno due volte l'anno vodo a... salutarla.
    Grazie della visita e del commento
    clezio
  • Giovanni Ibello il 04/10/2008 12:36
    EMOZIONANTE... AMO NAPOLI, LA MIA CITTA..
    che ORGOGLIO D ESSER PARTENOPEO... e tu...

    che ARTISTA IMMENSO CHE SEI...
  • Ezio Grieco il 22/08/2008 23:38
    ... si Cinzia, bing beng ha detto stop. I veri Napoletani sono stufi ormai.
    Grazie del commento
    ciaooooo
    clezio
  • Ezio Grieco il 22/08/2008 23:36
    Ciao Vincenzo, grazie del commento.
    ... hai ragione, però il "loro" tempo ormai è scaduto; i Napoletani sono stanchi delle "furberie".
    clezio
  • Cinzia Gargiulo il 22/08/2008 11:52
    "La nostra cara Napoli" come dici tu Ezio"Dio l'avetta fa cu nu penniello" e merita ogni tanto di essere ricordata per le sue bellezze naturali e artistiche, per il suo clima mite, per il sole capace anche d'inverno di riscaldare il corpo e l'anima di chi la visita... Basta parlare sempre e soltanto di degrado e aiutiamola a risorgere per tornare ai suoi antiche splendori!
    Bravo come sempre!
    Un :bacio:
  • Vincenzo Capitanucci il 22/08/2008 11:28
    Appiccia la luce... Ezio... Napoli è veramente bella... e dovrebbe uscire da questa luna impertinente che la fa vivere sotto una coltre nera da incubo venusiano...
    Dio l'avetta fa cu nu penniello... mo la stann facinne co nu pennariello da quattro soldi... nero...
    Con amore per questa città... Si v ori...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0