username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La proprietà

Er barcarolo tace
mentre sta a pescà
nun senti manco la voce
se poi se fa piùllà

possiede forse il pesce
che ha pescato lesto
e poi in padella frigge
lo famo presto presto

Lo magna a quer momento
ma nunn’è mica suo
nun è che me lo ‘nvento
l’ha preso dar buon dio

noi semo de’ fregnoni
se ce credemo ancora
nun semo proprio gnente
quest’è la vita vera

è tutto n’po’ ‘mprestato
a noi che immantinente
ce l’a’mo poi comprato
coi sordi de la ggente

c’avemo sì paura
che morte poi ce prenda
che ce compremo tutto
speranno nun se renda

c’avemo tanti sordi
er carro ed er trattore
e pe’ i viaggi lunghi
l’aereo bimotore

c’avemo fatto casa
ed anche er grattacielo
per ce lo fa vedé
a tutto er monno ‘ntero

fa caldo e nun te piace
appiccia l’aria fresca
in macchina l’ammore
consuma n’artra tresca

te senti solo e pensi
mo parlo un poco io
cor cellulare nuovo
ce chiamo pure Iddio

e poi c’è internette
te serve per chattare
ma prima o poi... permette
se deve da schiattare

‘a morte poi ti piglia
e a te che te rimane
sei polvere che squaglia
sonanno le campane

e nella terra fredda
te serve er cellulare?
ma senti un po’ sta testa
ma annamo un po’ a cagare

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Ajeje Brasorv il 22/08/2008 14:52
    carina, ma, a parte il discorso della punteggiatura, ci sono delle strofe in cui il ritmo rallenta troppo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0