username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

I poeti

Siamo anime
all'ombra del crepuscolo
che si pasciano della luna radiosa.

Artisti di geometrie radiali,
che innalzano i palmi,
gli stessi che avevano scavato
tra i ventri caldi.

Siamo ombre
indispettite
dallo sguardo tremolo
di un passante,
gioie deposte in un sussurro,
tregua del giorno e della notte...

Amanti insaziabili
della dolce parola
che attendono ancora
l'ora che s'incenerisce.

Siamo profeti
e preghiamo gli dei
che possano unire passioni
ad un ultimo bisbiglio,
il più bramato.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Alessia Lombardi il 26/06/2012 22:33
    Lirica davvero lodevole
    I miei complimenti!!
  • Elisabetta Benedetti il 01/05/2011 19:37
    "Siamo profeti
    e preghiamo gli dei
    che possano unire passioni
    ad un ultimo bisbiglio,
    il più bramato."

    Belle emozioni riesci a risvegliare, davvero!!!
  • Niccolò Stopponi il 20/09/2010 14:20
    secondo me non è male come pensiero, però purtroppo è impossibile dare una definizione, anche poetica, al poeta... deve per forza di cose essere molto soggettivo.
  • Anonimo il 22/07/2010 10:55
    Mi viene da dire bella, soprattutto le prime strofe.. ciao
    P
  • Anonimo il 25/03/2010 14:23
    Me le facevan studiare a memoria
    dicendo sicuri che la mia gioventù
    non si sarebbe scordata la gloria
    di un poetare che andava su e giù
    ricamando parole rivestendo la storia
    di sacrifici perduti e scordati dai più

    Stampelle lanciate contro il brillare d'ori
    mantenersi diritti e continuare la lotta
    deflagrare cunicoli non uscendo di fuori
    salvar molte vite con la propria condotta
    Ma c'era anche un fronte della poesia
    che odiava i diversi che faceva la spia

    che cantava di orrori come di carnevali
    che cingeva di anime i fili spinati
    applaudendo mitraglie montate su ali
    o portate dai cingoli dei carriarmati
    Si chiamava poeta inneggiava alla vita
    ma non quella d'altri che per lui è sfiorita

    Il D'annunzio sereno portato in trionfo
    sostenuto da mani che celavano il pane
    sopra un trono di sesso con qualcosa di gonfio
    acclamava l'italia: Evviva! A me le puttane!
    Mi facevan studiare dicendo: È sicuro!
    Gli eroi? Tutti uguali, ce l'avevano duro!
  • Anonimo il 25/03/2010 14:21
    Quanti sono i poeti che sprecano parole
    invece che viver della giornata il sole?
    Vedo che spesso demoliscono il silenzio
    declamando parole amare come assenzio

    Quanti sono i poeti che voglion cambiare tutto
    mettendo certezze su croci di pane e di prosciutto?
    Io so che pensan spesso seduti sopra a un cesso
    sputando fiumi di parole costruiscono le scuole

    dove insegnano eresie ben nascoste tra le viole
    volendo far sapere a tutto un mondo d'imbecilli
    che la bugia non tocca chi si lascia andare in strilli
    che producon lacrimoni e fan sentire tutti buoni

    Quanti sono i poeti che amano cantar di soli
    che riscaldan cuoricini cucinati negli allori?
    Sti poeti di sicuro non lo vinceranno il mondo
    se è solo attorno a sé che faranno il girotondo.
  • Emanuele Perrone il 25/03/2010 14:04
    MMMMM... CARINA...
  • Vincenzo Capitanucci il 24/08/2008 04:16
    Profetizzando bisbigli... un ultimo... il più desiderato... pregando gli dei.. che sia...
  • Angela Lombardi il 24/08/2008 01:43
    Sono felice che qualcuno possa specchiarsi nell'immagine che ho cercato di rendere del poeta... questa poesia è nata dopo più di un anno di silenzio, il famoso blocco dello scrittore e ho voluto dedicarla a tutti coloro che cercano di rendere il mondo migliore e che cercano di gioire o condividere dolori errando tra le righe:i poeti. È un onore essere letta da Poeti. Grazie a tutti
  • Paola Reda il 23/08/2008 23:16
    Hai reso profondamente l'essenza dell'animo del poeta. "Amanti insaziabili della dolce parola"... stupendo specchio di chi compone poesie. È vero, preghiamo gli dei per l'unione di sussulti, di sensazioni, di passioni dell'anima.
  • sabrina balbinetti il 23/08/2008 22:13
    hai reso benissimo l'idea del poeta D. O. P.
    ciao angela

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0