PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sol

Sol che batte i coppi de antiche case rade,
perse in meso al verde, su diroccae strade,
violentae dal tempo, che nessun ricorda più.
Sol . che scrosta i scuri e po' el ritorna su
strussando sora muri de calse pitturai.
Sol. che ferma l'aria sui fossi evaporai,
miraggi in controluce su cui se fonde el senso
del viver e del morir in t'un sentimento denso
che mì no sò capir.
Sol . che slonga le ombre, sulla strada bianca,
in t'un svolo de mosconi che con anda stracca
i gira vagabondi, in serca de che cossa?
Sol.. n'te le me vecie ossa
che me strassino drio pian . pian.
Sol . son sol come un can!
Sol... coi me pensieri matti.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 28/12/2008 12:17
    bellissima...
    letta con il cuore... grazie...
  • Gabriella Brancaleone il 06/12/2007 17:16
    La poesia dialettale e per di più un dialetto che mi è caro, mi tocca sempre, non sò perchè; forse perchè esprime più delle altre un concetto senza perderlo per strada.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0