accedi   |   crea nuovo account

er sindacato der firmamento

Semo du’ operai indefessi
se damo er cambio senza mai stancacce
durante er giorno forgio li calessi
e lei de notte illumina le tracce.

Quanno che monto, la matina, è scura..
c’è ancora fresco ne’ l’acciaieria
durante er giorno sale la calura
so’ tutto ‘n foco…’n corpo che je pija!

Dicheno che ormai io so’ malato
e co’ lo scivolo me manneno ‘n penzione
però m’appellerò ar sindacato
a costo de rimettece anche er nome.

Qui co’ l’orario c’è fressibbilità
dovemo da copri’ ventiquattr’ore
d’estate è favorita sua maestà
e io me magno er grasso ‘ntorno ar core!

L’amica mia è morto più tranquilla
sta pe’ li fatti sua…nun se scompone
quanno lavora abbasta che lei brilla
che ispira ‘na poesia o ‘na canzone.

Io ‘nvece lì … a suda’ 7 camice
me sento l’arter ego sfortunato
si faccio sciopero…’o scrivo co’ la vernice
rischio de esse’ ‘n SOLE precettato!!!!!

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • veronica riccetti il 27/08/2008 16:46
    beh leggere il mio bel dialetto è qualcosa di superlativo... poi leggero in versi che emozione!!! bella davvero complimenti sabrina!!
    è che ditte? c'hai ragione er lavoro va sempre cosi!!! non ce' permesso sciopera' ma solo suda'!!!
    ciao veronica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0