PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

E tradirò, ancora

È cominciata,
posso sentirlo, come un legame, antico, o forse appena nato,
posso capire che è tempo di indossare le mie vesti,
nuove,
per un motivo che è quello a cui han marchiato la mia essenza.

Avverto queste nuove vibrazioni, da tempo ormai infinito,
esistono al momento stesso dell'inizio,
e sembrano voler invadere, comprendere ogni altro suono,
per zittirlo, nell'assordante silenzio del nulla.

È insito nel genere mortale, concepire in se, la fine.
L'infinito ha posto in ogni sua parte, ciò che ne motivi l'esistenza,
La morte dell'essere.
Per chi come noi, è preposto a perdurare, l'unica via,
resta l'inganno.

Ispiro i miei sogni, nel fuoco che arde dentro,
lo stesso che è un richiamo dalla gente, inconsapevole della propria condanna,
al soffrire di speranze, fino a far sentire un tiepido tepore di banali circostanze,
come una ricerca motivante.
Quel fuoco ha l'ardire di non volersi spegnere,
per continuare a consumare ogni nota che ne anima la musica.

Tu, di tutti, sei l'unico che avrà il sangue per piangere delle mie scelte,
esisto perché amore così forte si distingue da se stesso,
e non ha scampo ne dal compiacersi, ne dal disperarsi.
Se di questo amore immenso, se ne fa cornice su di un muro a parte,
nascerà un dipinto dai colori tenebri e nutriti di rancore,
e a voler ritrarre quel che è condannato ad osservare,
mostrerà il suo amore, quel che odio ha trasformato.

Non posso che trasporre sentimenti in suoni,
vibrerò le corde, dal peccato alla bestemmia, fino al senso del perdono.
Ma di me, tutto è quello che ho il bisogno di cantare,
La tristezza avvolgerà i miei sensi, e potrò farne musica.
Ho la pena e la fortuna, di chi ascolta i gemiti dell'anima,
attraverso il canto, io li sento appartenermi, e saranno quel che per me sono.

Ali di un calore candido, per cieli di cui la bellezza ho solo un ricordo,
che sfuma nel mio petto, come mille lacrime di sangue.

12

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Rocco Burtone il 07/07/2009 12:58
    Mi dici dove vai a suonare che magari vengo a trovarti? Se suoni come scrivi sarò un tuo fan (suonare non nel senso tecnico... ci capiamo)

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0