PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

MESSI

Il tempo cristallizzò,
Quello era il momento,
L’istante divenne eterno,
Le messi raccolte...

L’ultimo rombo lontano
Nel cielo aperto,
Incontenibile,
Immenso
Presagio...

Lingue di rossa fine
E ghiacciato arrendevole azzurro,
Uccelli erranti in stormo
Latrati in echi invisibili e lontani...


Dopo il momento
Del divino
Ringraziamento,
Il lamento del legno scintillante
Scoppietta
Fischia
E consuma,
Tra le pietre diviene fumante
E insieme
Alla stanchezza e l’acqua pura,
Preparano
Al pane della umile fatica
E al meritato riposo della sera...

...

Nelle storie attorno al fascinoso fuoco
Sazi si perdono occhi bambini
E i loro sogni
Sobbalzano nei cuori,
Prendendone sembianze
Vagano sperduti,
Fieri e trionfanti
Vincono draghi e cavalieri,
Randagi e solitari
Visitano imperi sconosciuti...

... Addormentando vaniglia e latte
In piccoli respiri,
Tra bianche lenzuola di trifogli,
Con grilli e luna
Oltre la finestra
E un cielo immenso
D’altri mondi colmo...

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • laura cuppone il 07/09/2008 12:07
    grazie per i commenti... anche se non trovo affatto ermetico ciò che ho espresso..
    ciò che si legge é scritto...
    grazie di cuore
    Laura

    ps.. janco.. janco.. cominci a conoscermi troppo...
  • Riccardo Brumana il 06/09/2008 23:53
    lo sapevo che non dovevo osare troppo con la sorte, e la poesia ermetica è arrivata!
    però... pur non cogliendone appieno il significato lascia un "profumo" così intenso a fine lettura... come l'aria pulita dopo un acquazzone...
    brava, complimenti!
  • Dolce Sorriso il 30/08/2008 15:06
    ciao LaURA,
    il dolore è chiaro nella tua poesia, spero che presto,
    tutto svanisca, come bianche nuvole le tue preoccupazioni
    si perderanno nel cielo infinito,
    aprendo un vortice di sereno.
    un abbraccio
  • laura cuppone il 30/08/2008 09:39
    ciao giuliano...
    la tua sensibilità e acutezza di sentimenti nei miei confronti mi lusinga e ringrazio quella parte di me che mi ha fatta tornare a scrivere e leggere... con voi...
    non volevo tornare in realtà...
    il mio "dolore" non é altro che il vivere... troppo... tutto...
    non passa mai... ma é splendido..
    grazie!!!
    Laura
  • giuliano paolini il 30/08/2008 09:11
    c'e' uno strano dolore che attraversa l'aria nel leggerti spero non sia dovuto a situazioni serie e se cosi' e' mi faccio volentieri una risata di gioia
  • laura cuppone il 29/08/2008 23:08
    Grazie amici.
    Laura
  • Vincenzo Capitanucci il 29/08/2008 21:17
    L'istante eterno... le messi raccolte.. un quadrifoglio... di cielo immenso.. d'altri mondi... colmo..

    Magnifica...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0