accedi   |   crea nuovo account

MESSI

Il tempo cristallizzò,
Quello era il momento,
L’istante divenne eterno,
Le messi raccolte...

L’ultimo rombo lontano
Nel cielo aperto,
Incontenibile,
Immenso
Presagio...

Lingue di rossa fine
E ghiacciato arrendevole azzurro,
Uccelli erranti in stormo
Latrati in echi invisibili e lontani...


Dopo il momento
Del divino
Ringraziamento,
Il lamento del legno scintillante
Scoppietta
Fischia
E consuma,
Tra le pietre diviene fumante
E insieme
Alla stanchezza e l’acqua pura,
Preparano
Al pane della umile fatica
E al meritato riposo della sera...

...

Nelle storie attorno al fascinoso fuoco
Sazi si perdono occhi bambini
E i loro sogni
Sobbalzano nei cuori,
Prendendone sembianze
Vagano sperduti,
Fieri e trionfanti
Vincono draghi e cavalieri,
Randagi e solitari
Visitano imperi sconosciuti...

... Addormentando vaniglia e latte
In piccoli respiri,
Tra bianche lenzuola di trifogli,
Con grilli e luna
Oltre la finestra
E un cielo immenso
D’altri mondi colmo...

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • laura cuppone il 07/09/2008 12:07
    grazie per i commenti... anche se non trovo affatto ermetico ciò che ho espresso..
    ciò che si legge é scritto...
    grazie di cuore
    Laura

    ps.. janco.. janco.. cominci a conoscermi troppo...
  • Riccardo Brumana il 06/09/2008 23:53
    lo sapevo che non dovevo osare troppo con la sorte, e la poesia ermetica è arrivata!
    però... pur non cogliendone appieno il significato lascia un "profumo" così intenso a fine lettura... come l'aria pulita dopo un acquazzone...
    brava, complimenti!
  • Dolce Sorriso il 30/08/2008 15:06
    ciao LaURA,
    il dolore è chiaro nella tua poesia, spero che presto,
    tutto svanisca, come bianche nuvole le tue preoccupazioni
    si perderanno nel cielo infinito,
    aprendo un vortice di sereno.
    un abbraccio
  • laura cuppone il 30/08/2008 09:39
    ciao giuliano...
    la tua sensibilità e acutezza di sentimenti nei miei confronti mi lusinga e ringrazio quella parte di me che mi ha fatta tornare a scrivere e leggere... con voi...
    non volevo tornare in realtà...
    il mio "dolore" non é altro che il vivere... troppo... tutto...
    non passa mai... ma é splendido..
    grazie!!!
    Laura
  • giuliano paolini il 30/08/2008 09:11
    c'e' uno strano dolore che attraversa l'aria nel leggerti spero non sia dovuto a situazioni serie e se cosi' e' mi faccio volentieri una risata di gioia
  • laura cuppone il 29/08/2008 23:08
    Grazie amici.
    Laura
  • Vincenzo Capitanucci il 29/08/2008 21:17
    L'istante eterno... le messi raccolte.. un quadrifoglio... di cielo immenso.. d'altri mondi... colmo..

    Magnifica...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0