username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Parlare a Dio

Quante volte ti ho parlato, implorato, pregato
ma tu in questo caos non mi hai sentito
tramutami in un'aquila, dammi un paio d'ali
in modo che da te possa arrivare
e ti racconterò le mie paure, i miei pensieri
e quello che più importa, i miei dolori
perche di fronte a te non ho timori
le mie sono semplici parole
dettate solamente dal mio cuore
alzi gli occhi, mi guardi e già sto meglio
non dici una parola, ma son contento
d'un colpo son svaniti i miei timori
ora che ti ho parlato e mi hai ascoltato
me ne ritorno la, dove son nato.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

31 commenti:

  • RAFFAELLA MUNNO il 11/03/2011 02:41
    Molto toccante
    bellissime parole.
  • Rosarita De Martino il 08/08/2010 19:07
    È molto coinvolgente questo tuo dialogo con Dio. Permetti che io ascolti? Sono sicura, infatti, che il Signore sa ascoltare chi lo cerca con cuore sincero. Complimenti Rosarita
  • giulia silvestri il 24/06/2009 15:00
    provo esattamente questo a parlare con Dio, bellissima!
  • Andrea Luparello il 03/05/2009 19:34
    bella, ma peccato che non posso apprezzare del tutto in quanto ateo...
  • starshine1983 il 01/03/2009 18:22
    è così... bella
  • starshine1983 il 01/03/2009 18:08
    stupenda!!!
  • antonino branchina il 26/02/2009 21:07
    Caro Francesco Lui ti ha parlato nel momento stesso in cui hai scritto questa intima e profonda poesia. A presto Francesco.
  • francesco lasorsa il 10/02/2009 19:10
    Non sono credente come tutti... però bella...
  • rita giannini il 28/10/2008 18:21
    Veramente l'uomo è felice solo quando è in contatto con il suo Creatore... bravo, francesco!
  • sara rota il 22/09/2008 14:47
    Rivolgersi a Dio è sempre un modo per sentirsi meno soli... Egli ci ascolta ovunque siamo e qualunque cosa Gli diciamo...
  • francesco muscarella il 31/08/2008 14:05
    In buona parte sono d'accordo, Allora la colpa ti tutto è del creatore che ci ha dato il libero arbitrio.
    Non credevo che questa poesia avrebbe suscitato un "dibattito" così piacevole, ovviamente rispettando il modo di interpretazione di ogni singolo.
  • francesco muscarella il 31/08/2008 13:10
    Ricordo che Dio ci fece a sua immagine e somiglianza e che inviò L'angelo della morte quando distrusse i primogeniti degli egiziani.
    Ma se in Dio c'è infinito amore, allora il suo amore non è un sentimento?
  • francesco muscarella il 31/08/2008 10:43
    Ridicola e insensata ci appare a noi mortali che ci siamo allontanati troppo dalle sue leggi, e il suo negarsi è una sorta di punizione, come un padre punisce il figlio per una cosa che non doveva fare, ma sa che dopo perdonerà il figlio.
  • francesco muscarella il 31/08/2008 10:18
    La poesia la riconosco moltissimo nel commento dell'amico Stefano, più che in quello di Massimo, difatti è una chiara invocazione d'aiuto a Dio che non riesce o non vuole ascoltare, perche non riconosce più il mondo che lui ha creato, un mondo che noi abbiamo distorto e rovinato, allora chiede un paio d'ali per poter trovarsi direttamente in sua presenza, e dirli che in fondo l'uomo pure nella sua arroganza, nei momenti difficili della propria vita, si rivolge sempre al suo creatore.
    Spero di essermi espresso bene, Grazie
    Francesco
  • giuliano paolini il 31/08/2008 09:28
    quando senti che vuoi lo spazio di fronte a te si fa dio diventa ricettivo ti ascolta e puoi infine renderti conto della modestia dei tuoi problemi che le paure non ti appartengono che libero ed indomito qua sei arrivato da uno spazio nobile dove la vita si prepara e carica di propositi di luce ed amore
    e' sufficente una doccia sincera e tutta la polvere se ne va veloce
  • Vincenzo Capitanucci il 30/08/2008 20:17
    Parole semplici di Cuore.. una preghiera.. per un ritorno in Sorgente..
    In Te.. svaniscono.. timori e dolori..
    Bellissima...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0