accedi   |   crea nuovo account

Fanciullezza

Affetti sbiaditi
di tenero evo ammantati
ingiusto passato
come ancor t’incagli.

Prepotente Crono
nulla sfugge
alla tua maligna falce
disperato m’appiglio.

Neanche i volti mi lasci
inutilmente anelo,
mi vedo
ancora innocente.

I suoi lacci di seta
m’avvolgevano…
sublime rifugio
nel limbo del mondo.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0