PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Hubris

Superba è la mente
che nell’esaltazione 
assimila la libertà 
al potere degli Dei.
Ma i diritti degli Dei
non sono quelli dell’uomo
e la deificazione crea
schiavi e padroni.
I figli sono il dono di Dio
non carne per orgasmi illeciti
e la brutalità non paga
ne aumenta il piacere. 
La rabbia Divina
distrusse Sodoma e Gomorra
nessuno venne risparmiato.
Tu ti salverai?


* Ho scelto di dare il titolo a questa composizione utilizzando la parola greca: hubris, che significa superbia. Nella cultura greca il superbo era colui che voleva rendersi uguale agli Dei. Siccome gli Dei praticavano l’incesto, chi li emulava, diventava anch’egli una divinità. La parola: superbia, probabilmente non avrebbe offerto lo stesso significato.   

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • letizia salerno il 21/05/2009 17:42
    stupenda
  • Paola Reda il 04/09/2008 08:25
    Poesia molto forte, dal titolo al contenuto. Vorremmo emulare il potere degli dei, ma siamo piccoli piccoli... e non ci salveremo... Splendidi versi.
  • Cinzia Gargiulo il 03/09/2008 23:43
    Ha ragione Bruno, scrivi proprio bene Fabio.
    In tutte le epoche l'uomo ha sempre tentato di mettersi al posto di Dio con risultati sempre disastrosi... Verrà il giorno in cui l'uomo accetterà veramente il proprio limite?...
    Un abbraccio...
  • Fabio Mancini il 03/09/2008 18:55
    Grazie, Bruno sei bravo e gentile. Caro, Paolo, faccio una precisazione: nella mia composizione faccio riferimento all'incesto e non all'aborto. Grazie, Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0