accedi   |   crea nuovo account

Perdono

Gialle, cadono le foglie sopra la strada
Mentre una mano, raccoglie la rugiada
Sul viso da rose disegnato
Palpito indomabile il pensiero svestito
Dal ricordo del fremito delle sue labbra
l’ossigeno insanguina la pelle dal vento lesa
sotto lenzuola di bronzo
nuvole disperse, roventi s’affollano selvagge
calpestate da dementi scintille partorite
dal veleno ibrido d’ogni generazione
le palpebre all’orizzonte calano ubriache
gli occhi perplessi s’annegano viaggiando
al ritmo di nacchere incastrate nel cuore
come il suo profumo i suoi baci
i nostri abbracci.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • angela testa il 30/06/2010 00:55
    commovente... molto bella... piena di sentimento...
  • Anna G. Mormina il 09/06/2010 18:05
    ... un ricordo nitido di quel che fu... e lei, son certa, ha perdonato!... bellissima!!!!
  • Wester Auxano il 04/09/2008 11:04
    Straordinario crescendo... di evocazioni... molto bella...
  • mariella mulas il 03/09/2008 18:36
    Forte.. forte.. Splendido componimento ricco d'intenso pensiero!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0