accedi   |   crea nuovo account

Il Fiume Serio

Apaticamente, senza forza, non spinge, stamattina, semplicemente, scende,
Si lascia andare senza energia, si abbandona inerte,
cupi riflessi grigi e viola lo colorano a freddo.
Scorre tra le canne senza emozione, senza reazione,
non avverte il famigliare brivido delle loro carezze sui fianchi.
Nei vortici si lascia andare, lentamente, si capovolge,
subisce il ribaltamento, passivamente.
Riprende il corso senza gioia, senza slancio, sbatte sui sassi senza dolore.
Come al solito lembi di vita umana approfittano della discesa
ma stamattina la scarpa rossa col tacco a spillo non lo incuriosisce,
la bottiglia di plastica lo naviga senza indispettirlo.
Sembra spento, guarda in su, assorto in quella nebbia color porpora.
È altrove, si chiede di quel rosa acceso del cielo,
di quel silenzio ovattato che lo circonda,
si chiede dove sia il mondo di quel sole che tinge senza essere ancora sorto.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Aldo Occhipinti il 06/09/2008 14:26
    hai dipinto unbel quadro con questa tua; da un senso di sospensione, di attesa, un non so che di mistico che incuriosisce. bella!
  • alberto accorsi il 05/09/2008 11:53
    Molto bella questa prosa poetica. Graziosa, curiosa, attraente.
  • sabrina balbinetti il 04/09/2008 23:49
    che bello... originalita' sapientemente cucita sulla vita che scorre di un fiume... veramente bella!
    io sono sempre a caccia delle poesie che trattano argomenti inusuali
    brava monica
  • Anonimo il 04/09/2008 22:15
    Una scrittura prosastica, piacevole e carica di visioni.
    Brava Monica
    ciao
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0