username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Chi è?

Chi è quel vecchio
che vedo riflesso nello specchio,
quell’ammasso di rughe,
quell’insieme di tristezza,
solo, come l’abate Faria
chiuso nella fortezza;
le mani, come tartarughe,
ruvide seppur piene di dolcezza;
chi è quel vecchio
che mi parla dallo specchio?
Di certo non son’io,
perché io vivo in funzione di te,
e se tu sei giovane e bella,
giovane e bello sono anch’io,
e se tu vivi del mio amore
e ti nutri del mio cuore,
e respiri la mia anima
e consumi la mia vita,
dimmi allora perché,
ieri m’hai detto ch’è finita,
la mia avventura con te!
Ora capisco, ora so
t’ho riconosciuto, Caronte!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

21 commenti:

  • lupoalato maria cannavacciuolo il 24/09/2008 18:25
    wow... bellissima, impetuosa che bravo che sei bravo bravo bravo
  • Luca Berti il 12/09/2008 21:21
    L'ho letta tutta d'un fiato, con l'intensità che le tue parole hanno destato in me, complimenti, profondamente emotiva...
  • sara rota il 10/09/2008 14:48
    Simpatico... immedesimarsi in colui che si è o forse non è ? Mah... al massimo cambia specchio...
  • Dolce Sorriso il 06/09/2008 22:16
    caspita... che emozini
    bravo piaciuta molto
  • Aldo Occhipinti il 06/09/2008 14:38
    è molto triste questa poesia del trapasso. pensare di aver riconosciuto la sagoma di Caronte, di aver finito l'avventura con l'energia dell'esistenza...
  • Fabio Mancini il 06/09/2008 08:30
    Piaciutissima per il senso e la costruzione data.
  • Maria Lupo il 05/09/2008 23:54
    Non ti trovo più su youtube, com'è?
  • Maria Lupo il 05/09/2008 23:53
    Molto bella. Angoscioso eppure sdrammatizzante quella specie di colpo di scena finale.
  • sabrina balbinetti il 05/09/2008 23:19
    se te serve 'na mano pe' schiaccia' Caronte... io so' pronta!
    molto bella
    un abbraccio sabry
  • Michelangelo Cervellera il 05/09/2008 20:49
    Ammiro molto il tuo modo di scrivere, anche se ti commento poco ti leggo spesso. Ora che lo hai riconosciuto continua a combatterlo.
    È bella, dolorosamente bella.
    Michelangelo
  • Cinzia Gargiulo il 05/09/2008 20:42
    Dolcemente sofferta. Bellissima!
    Un :bacio:
  • Alessio Cosso il 05/09/2008 14:02
    ... un magnifico inno alla vita...

    bella davvero...
  • Anonimo il 05/09/2008 14:01
    Mi sembra un dialogo aperto con la vita...
    scacciare Caronte, dai pensieri faticosi, è ardua impresa.
    Ascoltare la voce del silenzio, anche se fa male e ci racconta storie, che non vorremo sentire, forgia nel nostro cuore, una piccola zattera, dove, nei momenti bui della vita, possiamo salire e remare verso la luce...
    A Caronte li è vietato entrare...
    poesia bella e triste..
    ciao Gigi
    un abbraccio fortissimo
    Angelica
  • Vincenzo Capitanucci il 05/09/2008 13:56
    Complimenti per le tue opere su you tube... l'ho visto solo oggi... guarisci presto.. luce dei miei occhi... sei l'arca della mia vita...

    da visitare... veramente...è bellissimo...
  • Vincenzo Capitanucci il 05/09/2008 13:51
    Ferocia illuminata... dove ci traghetti a noi vivi... o Anima mia.. in te sono bello e giovane.. un senza età...

    Stupenda... Luigi..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0