accedi   |   crea nuovo account

Scetàte.

Scetàte.
Arape chìsti uocchie
te voglio fa vedè ca nun è còmme dìcive tu.
Ccà nun è cagnàto niente
me pare sèmpe 'o stèsso
tùtto tal'e qquàle ajére.

Scetàte
perchè mè 'a fa' capì
chillo ca tu, cu mìlle parole, mè cantàve
addò stà
ccà c'è stà chi chiàgne ancora
chi s'accìre
chi 'o male ò tenè dìnto 'o sànghe.

No, nun me pare ovèro
sé fermàto 'o tièmpo
o po' èssere ca stò sunnànno?

Dà stà fenèsta
se' ne ghìuto pùre 'o sole
s'e scucciàto 'e sèntere sèmpe 'e stèsse cose.

'A toja era nà prumèssa
“stu mùnno cagne nun te preoccupà”
me pigliàto cu l'ingànno
mò 'e vedè che 'a fa
mòvete, fà amprèssa
scetàte.

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 07/07/2015 18:15
    Una poesia bellissima espressa in un dialetto amabilissimo, che fa onore a noi campani.

4 commenti:

  • Anonimo il 04/12/2009 17:35
    Bravo
  • luigi deluca il 30/11/2008 07:32
    sembra quasi una invocazione rivolta... al cielo, ad un (eventualmente esistesse), creatore! bella, m'è piaciuta!
  • Ida Ida il 06/09/2008 22:58
    Complimenti poesia molto bella e complimenti anche per il napoletano che non e' assolutamente semplice da scrivere.
  • sabrina balbinetti il 06/09/2008 22:43
    una promessa non mantenuta?... forse fatta in buona fede..
    quanta musicalità in questa tua poesia...è stupenda!
    ciao sabry da roma

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0