PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La conoscenza

C’era na vorta
un docile vecchino
che’n bel giorno chiamo a sé
er su nipotino

caro pierino,
je chiese co’ pacienza,
mme sai dì
che è la conoscenza?

certo nonnino,
arispose er regazzino,
e quanno sai le cose…
aggiustare er motorino

ma che dici pierino
quella è n’informazione
la conoscenza è de più
nun è solo acculturazione

la conoscenza è quella cosa
che se trasmette da omo a omo
che t’arricchisse
che te fa senti più vivo

è come na fiaccola
che passa de mano in mano
da sola illumina poco
ma se son tante ci’arischiara er celo

ma nun capisco,
disse er regazzino,
nun me potresti fa n’esempio
dolce mio nonnino

li vedi que’ du’ gattini nel prato
proprio lì, laggiù
secondo te che stan facendo
suppergiù

come son teneri
se danno li bacetti
se fanno le effusioni,
che belli i du’ micetti

certo se vede che se voglion bene
ma c’è n’artra esigenza
mettono i sentimenti in comune
fanno conoscenza!

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • elio roberto rinaldi il 13/03/2010 18:38
    bellissima complimenti ciao elio
  • bruno saetta il 07/09/2008 19:49
    Grazie a tutti.
  • sabrina balbinetti il 07/09/2008 08:07
    bravo bruno,'st'immaggine der nonno che vo' trasmette la conoscenza ar nipotino è fenomenale!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0