accedi   |   crea nuovo account

'na vorta all'anno

L'urtima cosa che io me ricordi
è ch'ero 'ntenta a cercà 'na pista,
de quelle superotto co' li bordi...
e tutto 'n botto m'è venuta 'n testa!

Beh, quarche ora sarà già passata
è tutto buio drento sto negozzio
adesso so' 'n po'... disorientata...
come me dole... senti che ficozzo!

Così a tastoni 'n cerca dell'uscita
ho visto allora ner retrobbottega
'na luce fioca che m'ha 'ncuriosita
e tutti 'n fila i SORDATINI in LEGA.

La cosa strana che tutti li giochi
piaveno vita come pe' incanto:
li SETTE NANI ereno li cochi
e BIANCANEVE je sedeva accanto.

PINOCCHIO giocava a "Zecchinetta"
aveva perzo le monete d'oro,
vinceva AIDI e la sua CAPRETTA...
... sbrojannose la cosa tra de loro!

GIGGHE ROBBOTTE teneva er cartellone
e NEMO aveva fatto tombolino...
'sti pupazzi pareveno perzone...
co' la speranza de vince 'n sordino.

Le SORELLASTRE dar lungo fettone
aveveno trovato er ganzettino
magnaveno ridenno er panettone
insieme a ROBBINUDDE e POLLICINO.

Quer COSO VERDE tajava er torone
la moje FIONA areggeva er banco
io stavo zitta dietro a quer cantone...
e l'OMO RAGNO me russava affianco.

Tutti riuniti pe' 'na vorta l'anno
pure EZZECCHIELE co' li PORCELLINI
la notte de Natale che se fanno...
miracoli pe' grandi e regazzini!

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0