accedi   |   crea nuovo account

Amore donato

Dal cielo ispirato
ardisco dire a voi,
sia pur per sommi e brevi capi,
il dubbio che in me s’è attanagliato.

Or dunque vengo al fatto
che vacillante rese la mia fede,
ferma e sicura la mano mia nell’atto
d’aprir quel petto scarno e vile.
Dubbiosa di trovar gloria ed onori
un qualche segno di amor servile,
effimera certezza di dolore,
di pena, pentimento o di preghiera.
La meraviglia fu..
Trovare un cuore.

Un palpito che batte in ogni dove
Nel pio, nel reo
Nel giusto e nel dannato.

Mi chiedo allor che serve..
L’amore mio donato!?

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • giuliano paolini il 13/09/2008 11:10
    e' una domanda forte e sincera da qua si puo' partire alla ricerca del senso della vita che pare sempre finire ed e' proprio li' che prende improvvise e nuove forze brava michelina ottima riflessione
  • Fabio Mancini il 08/09/2008 15:43
    Carina per il contenuto, ma bella per la forma.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0