PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

È finita la notte

È finita la mia notte,
già intravedo le prime luci dell’alba
che si insinuano voraci
tra le persiane chiuse
da tempo immemore

entrano violente
fugando le ombre
e i fumi della mia sofferenza

si allungano man mano,
dita fatate
a ghermire la pelle mia,
e la mia anima, strappata.

Se ne appropriano,
la stringono in una morsa,
la spremono per farne uscire
il fiele rimasto

goccia a goccia l’ho alimentato
di strani sogni e timori
dolori e sofferenze
fantasmi e false leggende,
ma adesso non più.

Alle prime luci dell’alba
osservo il campo di battaglia
della mia anima torturata
come guerra nascosta e fratricida

io sono lì:
unico perdente,
ma anche vincitore

ho lottato con te,
col tuo simulacro
ora che non mi è più concesso
averti in originale,
ho combattuto con te
mio dolce tormento,
ora che non mi è più concesso
amarti alla luce del sole

e ti ho amata,
invocata,
adorata e ferita,
ti ho colpita con mille fucili,
ti ho raccolta come fiore giocondo
e poi allevata, cullata e di nuovo distrutta,

12

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 18/11/2015 08:09
    apprezzata... complimenti.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0