PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

piazza navona

Piazza Navona mia… vista dall’arto
è ‘n segnalibro fatto de mattoni
tra le paggine de Roma è guasi da infarto
le tre funtane je fanno da bottoni.

In de ‘sta piazza de duemila anni
quann’era agosto e c’era er solleone
veniva allagata …senza faje danni
e se gustavano la battaja le perzone!

Adesso è la Montematre de noantri
co’ li pittori all’angoli de strada
artisti veri, scanzonati e scartri
che viveno cammpanno alla giornata.

Cori randaggi se ‘ndustrieno da tempo
co’ du’ bajocchi te fanno er teatrino
er motto loro:”Si oggi magno campo”
j’abbasta pe ‘mbasti’ er loro destino.

Chitare solitarie ne’ la notte
intoneno canzoni der passato
spartiti messi sulle cianche rotte
riscalleno er turista ‘nnammorato!

Statue de sale bianche oro e argento
s’acchittano aspettanno quer sordino
pareno foje ferme senza vento
ar sono dell’euro fanno ‘n bell’inchino.

Li Madonnari che co’ li gessetti
ce sanno arifa’ i capolavori
la maggiorparte sono senzatetti
ner loro credo…. fanno li signori.

C’è pure chi ha ‘mparato nella vita
a fa’ dell’omo la caricatura
co’ poco tempo disegna a matita
orecchie e nasoni co’ la sfumatura.

Quanno è Natale è piena de balocchi
de carammelle e carze colorate
‘sto bendeddio te ariempie ll’occhi
e…cento campane soneno accorate!

Che dire de ‘sti cori solitari
che batteno ner petto de ‘sta Tera
‘nzegneno all’artri a nun esse avari
a vole’ bbene e a nun fa la guera!!!

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Pablo X il 02/11/2008 02:32
    grande sabrina hai fotografato a modo tuo piazza navona, ci hai messo tutti meno che gli zingarelli che ti fregano il portafogli

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0