accedi   |   crea nuovo account

La città

Non il saluto che si addice ai vecchi,
un avanzar discreto, rispettoso,
di giovinette con in mano i secchi
per la fonte traguardo doveroso;
di puro né pozzo, né sorgente,
un echeggiar festoso di baldoria,
un baglior di luci e tanta gente.
Nessuna traccia delle cicatrici
di fame e sete alla memoria
tutto estirpato delle mie radici.
Niente più Via Della Bellezza
dove l’amore ricamava il buio
e la virtù vestiva giovinezza.
Sentore di vita assai fastosa,
premure rare, spazi soffocati,
città informe, strana, rumorosa,
basilari i dettagli trascurati.
Nulla o poca lotta per il pane
nessun ricordo di che fu la fame.
Affollata Via Dei Fannulloni,
vuota Piazza Del Talento,
stipata Per le Deviazioni,
zeppo Borgo Dell’argento.
Sparito il Vicolo Degli Orti;
dove fu Largo Del Lavoro
un monumento dedicato all’oro,
scomparsa Via Dei Nostri Morti.
A case bigie, semplici e sbiancate
grattacieli svettanti e rilucenti,
palazzi e grandi ville decorate.
Quella che si nutriva di quiete
è ormai una città di confusione
sulle brutture si cala una parete
ed il peggio sembra l’occasione
per cancellar del bello la memoria
e cambiare il corso della storia.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • luigi granito il 05/11/2011 21:23
    I luoghi dove siamo cresciuti sono i contorni della nostra anima, vederli cancellati fa scaturire il senso della nostra impotenza... Ho comunque camminato nelle tue strade di paese...
  • Pablo X il 19/09/2008 17:28
    Figli peggiori dei padri, bella poesia.
  • Anonimo il 19/09/2008 17:15
    Senza memoria, non c'è presente! Meravigliosa...!
  • claudia checchi il 17/09/2008 17:52
    lo trovata molto bella complimenti.. claudia.
  • Anonimo il 13/09/2008 18:19
    Non è detto, che il tempo migliori le cose...
    IN questa tua cartolina, si sente tanto il rimpianto, per una città meno bella esteticamente, ma forse più calda e accogliente...
    Complimenti Ugo
    Angelica
  • giuliano paolini il 13/09/2008 11:22
    e' sempre gradito un passaggio del signore Ugo anche se mi piacerebbe sentire arie di forti progetti futuri e frutti della esperienza che raccontano di come affrontare gli angusti sentieri e un po' meno ricordi lontani anche se cosi' abilmente descritti
  • francesco muscarella il 12/09/2008 10:30
    meravigliosamente bella, bravissimo!!!
  • Alessandro Fontana il 11/09/2008 19:19
    Semplicemente bellissima! E l'esperienza paga Saluti!
  • Cinzia Gargiulo il 09/09/2008 20:58
    Bella e intensa! Mette in risalto i contrasti di una società che cambia.
    Un abbraccio...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0