accedi   |   crea nuovo account

ODE ALLA BIRRA ED AI SUOI EFFETTI COLLATERALI

Mi sono rotta le palle di tutto:
della gente schifata se emetto
gonfiando a dismisura il petto
con echi cavernosi un rutto.

Io odio soprattutto il saccente,
quello più convinto e saputello,
che si crede sempre troppo bello
ed in realtà annoia spesso la gente...

Il professorino, il suo amico
lecchino, l'idiota squinzietta,
di ogni tivvù l'intera scaletta.
Son tutti meno di un secco fico.

Dell'università tutti i Baroni,
i cui figli inetti e svogliati
prendono trenta da impreparati.
Il nepotismo rompi coglioni...

A tutte quelle stupide persone,
che si credono gli intelliggenti
e son solo dei gran deficenti,

a tutte quelle stupide persone,
che dicono: " devi acculturarti"
e vogliono solo incularti,

a tutto quel mediocre popolo
che dice cultura e pensa "casta"
oggi io urlo un feroce basta.

A tutto quel mediocre popolo
disgustato dal rutto naturale
io rispondo: è bello, è normale.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

21 commenti:

  • annamaria gabutto il 13/06/2011 16:08
    Sei sicuramente l idolo dei miei figli, molto carina e spiritosa, brava
  • giancarlo milone il 24/08/2009 03:08
    molto bella... complimenti...
  • Anonimo il 24/05/2009 14:37
    Stupenda... anche il linguaggio... non proprio delle poesie "normali"... complimenti!!! (concordo con te sui rutti e la gente che c'è in giro)
  • Roberto Faint il 13/09/2008 01:47
    i rutti veri e propri forse è meglio tenerseli per se. L'ironia, lo stile ed il linguaggio schietto invece sono sempre graditi... e tu li usi in maniera molto piacevole.
    Ciao..
  • giuliano paolini il 12/09/2008 16:54
    momentino particolarmente carico di gioia
    ben tornata a scalciare come sai ben fare un bacione di ben trovata
  • Riccardo Brumana il 12/09/2008 00:05
    evviva il rutto libero!!!
    grhoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo...

    pos!
  • Nicola Saracino il 11/09/2008 19:03
    a parte l'ortografia, tutto il resto è stato notato e minuziosamente meditato. Non è stato difficile, ci siamo passati anche noi e continuiamo, oh se continuiamo, a ribellarci. A rileggerti
  • MICHELA C. il 11/09/2008 18:58
    CASPITERINA! UN CONSIGLIO :APRITE UN DIBATTITO A "FORUM" Date a tutti la possibilità di dire la loro!-RAGAZZIIIIIIIIII siate generosi, rendedeci Tutti partecipi.----V'abbrazzu tutti e vaspetto a FORUM
  • rebekka banshees il 11/09/2008 18:28
    Vi giuro che è fatto apposta! metto spesso degli errori di ortografia o di grammatica nelle poesie è una scelta voluta; andate a vedere le altre opere!
    In quella dedicata al gelataio acido ho pure messo un congiuntivo sbagliato!!! lì però ha destato meno polemiche, forse perchè in base al contesto si capisce meglio il motivo per cui l'ho fatto.. o forse perchè è più facile notare un errore di ortografia...
  • Nicola Saracino il 11/09/2008 18:22
    In vituperio di Vincenzo C. È caduto il fetentone/Vincenzo dal balcone/nell'applauso generale/non c'è più l'intellettuale/trascinando in agonia/il Barone e la sua spia/la belloccia sgallettata/dagli okkioni di lumaca/e il lecchino ributtante.../Oh la nostra militante!!! Emmò basta, famola finita... dài Rebekka si skerza un po' fra poeti disimpegnati... ciao ciao un abbraccio
  • Nicola Saracino il 11/09/2008 17:48
    sì, anche rebekka ha scritto spontaneamente... a te Vincenzo ha risposto "bhè". Embhé che c'entra?? BHò...
  • Nicola Saracino il 11/09/2008 17:06
    cerca però di trovare un po' di autoironia, e di imparare a riconoscere anche la "militanza" degli altri. Ne ho conosciuti tanti, di militanti che hanno militato da soli perché incapaci di riconoscere la buona compagnia
  • Vincenzo Capitanucci il 11/09/2008 16:56
    C'è ancora chi scrive... spontanea mente... direttamente sul sito... in pubblicazione... e li non esiste... programma.. di scrittura... correzioni.. automatiche...
    Il lecchino della Cima...
    Comunque la tua poesia... Rebekka... mi è piaciuta molto... attenzione agli effetti colla te rali...
  • Nicola Saracino il 11/09/2008 16:42
    infatti, non mi sarei mai permesso di inserirmi sul serio fra le "stupide persone"... Sei brava (ma avrei preferito che rispondessi al primo commento, più che al secondo). La Cima
  • rebekka banshees il 11/09/2008 15:37
    è fatto apposta cara la mia cima...
    oggi qualunque programma di scrittura corregge automaticamente gli errori di ortografia... Questo solo dovrebbe farti capire che sono errori voluti...
  • Nicola Saracino il 11/09/2008 15:00
    ah... intelligenti con una sola g e deficienti con la i... devi acculturarti...
  • Nicola Saracino il 11/09/2008 14:10
    Se esistesse un popolo che dice cultura e pensa casta, non sarebbe poi tanto mediocre. Chi pensa "casta" non dice cultura ma si limita a ruttare un innaturale potere.
  • rebekka banshees il 11/09/2008 11:15
    Caro vincenzo capitanucci, se non ti piace sta minestra buttati pure dalla finestra: siamo tutti sotto, in trepidante attesa del tuo schianto.
    "Evviva un intellettualino di plastica in meno!".
    Ho una concezione militante della scrittura, se una mia poesia ottiene come risultato l'autoeliminazione, mediante finestra, di certi spocchiosi saputelli... bhè è più di quanto potessi desiderare... chiamiamola eugenetica mediante strumenti intellettuali... Ah che stupenda figata.
  • MICHELA C. il 11/09/2008 09:48
    .. EVVIVA il salutare "rutto"" io riesco ad emettere tanti di quei suoni da farli apparire musica celestiale! Ciao cara-- Una serena giornata.
  • Vincenzo Capitanucci il 11/09/2008 09:38
    Stupenda... minestra acculturata... a cui si risponde... meglio saltare dalla finestra...

    Un saputello... bello e normale... in forma di coniglietto... amatore di birra... mirra... al carotene...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0