accedi   |   crea nuovo account

Macabre illusioni

Mi muovo fra le macabre illusioni
d'Amore contrastato e incorrisposto
perchè il suo cuor lei non fe' disposto
a cogliere le dolci mie intenzioni.
Rinnovo il gelo, il caldo e le tenzoni,
l'angoscia, le speranze e mi discosto
da me, per poi fuggire e vagar tosto
cercando il mio rifugio di finzioni.
E mentre torna il freddo dell'inverno
mi lascio ai roventi miei incanti
che bruciano di fuoco e san d'Inferno.
Nessuno può resistere ai pesanti
mattoni di quel muro blando e eterno
che saldano i bisogni con gl'incanti.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Andrea Arvati il 01/03/2010 17:53
    passionale e forte. forse un po' troppo flusso di coscienza in alcune parti, ma lì dipende dalle tue "intenzioni"
  • Anonimo il 24/02/2009 16:02
    hai una padronanza del verso e della penna ammirevoli. mi piace molto. complimenti davvero. sei un poeta. uno dei pochi.
  • laura cuppone il 13/09/2008 17:36
    ... la chiusa é d'ammirevole e matura poesia...
    bella.. d'altri fortunatamente smodati tempi... deliziosa nell'esposizione...

    piaciutissima!
    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0